Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, s’ostina in cielo un sole Eugenio Montale Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando lalte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. Pillola di Ilaria Reitano. Eugenio Montale «Ti libero la fronte dai ghiaccioli» Il testo qui presentato è entrato a far parte della seconda raccolta di Montale, Le occasioni, a partire dalla seconda edizione (1940). Le "nebulose" sono le bufere (ci avviciniamo alla raccolta successiva, La Bufera e altro). Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, sostina in cielo un sole freddoloso; e l’altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l'alte nebulose, hai le penne lacerate dai cicloni, ti svegli a soprassalti. Eugenio Montale Qui dice che la donna è arrivata a lui dopo aver percorso spazi siderali freddi (traversando l'alte nebulose) in cui ha raccolto ghiaccioli, pezzi di ghiaccio che si sono depositati sulla sua fronte. L'unico elemento fisico è costituito dalla fronte (v. 1), alla maniera stilnovistica. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l'ombra nera, s'ostina in cielo un sole freddoloso; e l'altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. È lo squarcio di un angelo che precipita nel mondo sotto lo sguardo attento di un uomo, che con dolcezza osserva le ali rovinate dal vento, che percepisce il suo bisogno di tenerezza e la sua fragilità. da Mottetti (Le occasion Il soprassalto è un sussulto, un sobbalzo che si fa quando si è spaventati o colti di sorpresa o sovrapensiero. Parafrasi Ti svegli sussultando. Ti libero la fronte dai ghiaccioli (Eugenio Montale) Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l'alte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. Ti libero la fronte dai ghiaccioli (Eugenio Montale) Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’alte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’alte nebulose, hai le penne lacerate dai cicloni, ti svegli a soprassalti. Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’alte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. TI LIBERO LA FRONTE DAI GHIACCIOLI . Ti libero la fronte dai ghiaccioli.Un incipit inquietante, enigmatico, che agita e turba. Mezzodм: allunga nel riquadro il nespolol’ombra nera, s’ostina in cielo un solefreddoloso: e l’altre ombre che scantonanonel vicolo non sanno che sei qui. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l'ombra nera, si ostina in cielo un sole freddoloso; e le altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, si ostina in cielo un sole freddoloso; e le altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra) Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra) Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra) Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’alte nebulose; hai le penne lacerate dai cicloni, ti desti a soprassalti. La poesia “Ti libero la fronte dai ghiaccioli” di Eugenio Montale fa parte del […] Ti libero la fronte dai ghiaccioli. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, s’ostina in cielo un sole freddoloso; e l’altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. Ti libero la fronte dai ghiaccioli che raccogliesti traversando l’altenebulose;hai le penne laceratedai cicloni, ti desti a soprassalti. Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo l’ombra nera, s’ostina in cielo un sole freddoloso; e l’altre ombre che scantonano nel vicolo non sanno che sei qui. I ghiaccioli costituiscono come una specie di corona (tra l'altro, "ghiaccio", in Inglese, si dice "ice", che richiama il vero nome di Clizia, Iris Brandais).